Consigli Prestiti

Il confronto tra le diverse proposte di credito non è sempre semplice e lineare, perchè ogni banca o finanziaria presenta il suo prodotto in modo tale da rendere un'ottima impressione, enfatizzando alcuni aspetti o alcune condizioni del prestito, ed omettendone altri (solo dal punta di vista pubblicitario) estremamente importanti per una corretto confronto.

Ecco un elenco non esaustivo di consigli e dritte da leggere prima di aderire ad una proposta di credito:
- non soffermarsi solo sull’importo della rata del prestito o su eventuali offerte promozionali. E' importante analizzare singolarmente tutte le voci di spesa;
- il Tasso Zero in apparenza è una promozione irresistibile che prevede davvero un TAN uguale a zero.
Spesso però, anche se non è la regola, il TAEG, non pubblicizzato adeguatamente, risulta molto più elevato del normale (costi più alti per spese istruttoria, gestione pratica, commissioni, ecc);
- prima di utilizzare il TAEG per confrontare le offerte, occorre confrontare l'importo e la durata delle rate, in quanto il tasso di interesse si riduce all'aumentare della durata e dell'importo del credito;
- quando si fa il confronto tra offerte di prestiti fare attenzione che il TAEG contenga davvero tutte le spese, anche quelle imposte dallo Stato e quelle di eventuali assicurazioni obbligatorie;
- è utile sapere che il pagamento delle spese di istruttoria può essere richiesto ancora prima che il prestito personale sia erogato. Pagare queste spese non è assolutamente una garanzia di ottenere il prestito ed in tutti i casi esse non vengono mai rimborsate;
- a parità di altre condizioni, scegliere sempre il finanziamento con le spese minori per estinzione anticipata del prestito;


- la maggior parte degli interessi viene pagata sempre con le prime rate del prestito, quindi, più ci si avvicina alle ultime rate del prestito, più la quota interessi che si risparmierà sarà minore; proprio per questa ragione, in sede di contratto, bisogna fare molta attenzione al tipo di ammortamento mutuo che si va a scegliere. Se per varie ragioni siamo in attesa di una cospicua somma di denaro (una donazione, per esempio) con cui ripagare l'intero mutuo, facciamo attenzione a non far cadere la nostra scelta su un tipo di ammortamento che anticipi il pagamento del conto interessi prima del conto capitale (come l'ammortamento alla francese).
- quando il prestito viene accordato fare molta attenzione alle polizze assicurative che le banche o le finanziarie propongono. Essendo polizze facoltative non rientrano nel calcolo del TAEG, perciò sono spese extra che ci verranno addebitate sulle rate;
- tenere sempre sotto controllo la nostra posizione creditizia; se le rate da pagare sono troppo numerose conviene effettuare un Consolidamento Prestiti, magari contrattando un diverso tipo di rata più consono alle nostre esigenze;
- rimborsare puntualmente le rate è un assunto imprescindibile se si vuole mantenere pulita la propria posizione anche nei confronti di nuovi prestiti che vorremo accendere presso altri istituti; é sempre meglio evitare di cadere nella rete dei Protestati;
- ricordarsi che tutto viene registrato e mantenuto a disposizione degli istituti creditizi per un certo lasso di tempo, perció é inutile cercare di tenere nascoste informazione durante il colloquio;
- a questo proposito è bene sapere che senza la firma di autorizzazione al trattamento dei dati personali nessuno può accedere ai database per controllare la nostra posizione creditizia;
- quando si chiede un prestito non scoraggiarsi se la prima banca o la prima finanziaria ci rifiuta: i criteri di valutazione cambiano da istituto ad istituto perchè la propensione al rischio è diversa per ogni soggetto creditizio.

- prima di chiedere un prestito risulta importante considerare attentamente sia la propria posizione creditizia, sia la capacità di rimborsare il prestito.
Chi effettua il prestito cercherá di capire prima di tutto se il soggetto possiede un reddito tale da poter sopportare l'importo di ogni singola rata.
Ricordiamo nuovamente che in generale l'importo della rata non deve superare un terzo del reddito mensile documentabile, già decurtato dalle rate degli altri prestiti in corso.
- risulta importante sapere che quando si prende in considerazione l'affidabilità creditizia del soggetto richiedente, cioè la sua capacità di rimborsare in modo puntuale le rate del prestito, tutto dipende da un punteggio che deriva dal calcolo del suo indebitamento, dal suo reddito, dalla puntualità di pagamento.

DISCLAIMER




Chi Siamo

Consigli Prestiti

Contattaci


©2014 CREDITLANDIA .IT – Tutti i diritti riservati - Privacy Policy